21.10.2020

Elezioni USA: quali sono i rischi di coda?

 Innanzitutto, di recente abbiamo osservato due fatti: il vantaggio di Biden è passato dal 6,5% a settembre a una percentuale più vicina al 10% nel momento in cui scriviamo; inoltre, se alla campagna di Trump mancano le risorse finanziarie, quella di Biden non risente affatto della stessa pressione.

Ovviamente, non possiamo semplicemente archiviare le elezioni come un fatto concluso.

Il motivo principale è che quest’anno la quota di elettori che voteranno per posta aumenterà notevolmente e sono mesi che Trump continua a sostenere il pretesto che le votazioni per posta danno troppe opportunità di frode. Le agenzie di stato e i tribunali di ordine inferiore stanno adattando i rispettivi regolamenti per agevolare le votazioni per posta, mentre le corti di ordine superiore stanno ribaltando tali decisioni. Entrambi gli atteggiamenti creano i presupposti per mettere in discussione i risultati effettivi delle elezioni. Riteniamo che ci sia una probabilità del 10-15% che le elezioni presidenziali raggiungano livelli di tensione tali da portare entrambe le parti a reclamare la vittoria e richiedere alle autorità di rivedere i risultati delle elezioni. Ovviamente, ci sarà una sola persona a prestare giuramento il 20 gennaio, ma è possibile che non si sappia chi giurerà fino a metà gennaio. Se a questo aggiungiamo il fatto che, in uno scenario simile, il nuovo presidente apparirà illegittimo a circa metà del paese, siamo portati a vedere in questo esito plausibile un chiaro rischio di coda per i mercati finanziari.

È risaputo che, nell'eventualità di una più probabile vittoria di Biden e del senato democratico, le politiche non saranno favorevoli al capitale. Infatti, Biden ha in programma di:

  • aumentare le imposte sulle società, riportandole ai livelli precedenti al taglio del 2017;
  • aumentare le imposte sulle società statunitensi che operano oltreoceano;
  • tassare le plusvalenze come reddito ordinario (per gli importi superiori a 1 milione di USD);
  • stabilire una tassa minima sul reddito lordo;
  • aumentare l’aliquota fiscale marginale per chi guadagna importi superiori a 400.000 USD all’anno.

Certo, è previsto un pacchetto di sostegni per la pandemia di COVID-19 di oltre 2 trilioni di USD e un grande disegno di legge che comprenderà spese per i progetti relativi all’energia verde e un’estensione di Obamacare che potrebbe compensare i sentiment di mercato. Ciononostante, Biden prevede anche di ristabilire alcune normative. Di recente i democratici della Camera hanno esplorato le questioni di antitrust legate ai giganti di Internet e, visto il peso di questi ultimi gli indici USA, gli indici Standard & Poor’s 500 e Nasdaq potrebbero affrontare una certa pressione alla vendita. Anche questo scenario può essere considerato un rischio di coda.

 

 

Altri articoli

21.06.2022

Ian Hauri, uno schermidore che sosteniamo, è ora campione europeo e svizzero!

Cité Gestion è orgogliosa di annunciare che Ian Hauri, uno schermidore che sosteniamo, è ora campione europeo e svizzero!

Leggere Tutto
10.06.2022

Newsletter: Dalla Fed alla BCE | Giugno 2022

Cité Gestion è lieta di annunciare la pubblicazione della sua Newsletter di Giugno 2022.

  • Macro, reddito fisso e tassi
  • Azioni
  • Forex e materie prime
Leggere Tutto
02.06.2022

Benvenuti a Noémia Relva e Lei Yao !

Cité Gestion è lieta di annunciare l'arrivo di Mss. Noémia Relva e Lei Yao nella sede di Ginevra.

Leggere Tutto
11.05.2022

Newsletter: Vicino al picco dei rendimenti? | Maggio 2022

Cité Gestion è lieta di annunciare la pubblicazione della sua Newsletter di Mai 2022.

  • Macro, reddito fisso e tassi
  • Azioni
  • Forex e materie prime
Leggere Tutto
03.05.2022

In Focus: La curva dei rendimenti del Tesoro USA manda segnali contrastanti | Maggio 2022

La recessione è dietro l'angolo?

Leggere Tutto
13.04.2022

BBC Nyon nella finale di Coppa Svizzera

Siamo lieti di annunciare che la BBC Nyon ha raggiunto con successo la finale della Coppa Svizzera!

Leggere Tutto
Tornare indietro